Lo Youtuber Andrea Baglio alla ricerca di Claudio Santoriello “Non svegliatemi mai”

di BENEDETTA FERRARA

Spesso un semplice sussurro, una voce che narra una storia può giungere al nostro orecchio nelle sembianze di una risposta tanto attesa. Cosa ci fa realmente sentire vivi?

Andrea Baglio, classe ’85, veronese, è ormai una delle più seguite web star italiane. Il suo canale Youtube (youtube.com/sBAGLIOtubo) vanta più di 14.000 iscritti e conta numerosissimi video, vlog e collaborazioni di ogni genere.

Eppure, nella vita di ogni artista, arriva un momento in cui salire anche soltanto su un treno significa ritrovare se stessi e percepire quel senso della vita così tanto vagheggiato.

Si chiama semplicemente “Il 10 Percento”, ed è il nuovo progetto artistico che lo youtuber, l’attore, ma soprattutto l’uomo Andrea Baglio sta portando sul web, per ricordare un amico, un Artista scafatese che ha perso la vita troppo in fretta. E’ Claudio Santoriello e il suo smisurato e vitale “Dieci percento”.

E’ un progetto che è partito insieme al treno che ho preso, il treno della vita, quello che passa una volta sola. Un viaggio per ritrovarsi o per perdersi, ma solo lui può darmi le risposte”, scrive il giovane Baglio, che porta con sé non soltanto gli insegnamenti spirituali di un amico, ma anche esperienze personali che gli hanno permesso di guidare la sua anima “alla ricerca della fonte dove nasce l’Arte, l’Amore e l’Umiltà”, continua lo youtuber.

I primi tre capitoli di questo lungo progetto artistico hanno emozionato e commosso non soltanto l’intera cittadinanza scafatese, che ha così potuto sorridere di nuovo ricordando un ragazzo tanto immenso, ma allo stesso tempo hanno saputo affascinare anche il pubblico del web, sentitosi catapultato immediatamente nella vita di un ragazzo fino ad allora sconosciuto.
Il primo capitolo, “Il Viaggio” ( http://www.youtube.com/watch?v=NM5KAzpRxmU&hd=1 ), vede il giovane Andrea salire su un treno per rincorrere qualcosa che non è ancora scomparso, qualcosa che resterà nei cuori di chi saprà ricordare Claudio nella pochezza della sua vastità.

“Sei anni fa scappavo a Roma per seguire il mio più grande sogno: fare l’attore. Ero fuggito perché sostanzialmente avevo la piena convinzione che a Verona non sarei mai riuscito a combinare niente dal punto di vista artistico, e in tanti ragionano così, persone che chiudono il proprio talento in una valigia e armate di coraggio, partono all’avventura.  Sono passati sei anni e tuttora viaggio alla costante ricerca di quei luoghi dal terreno fertile in cui sia ancora possibile coltivare la propria Arte. Eppure tutti quei chilometri sono stati azzerati quando scendendo delle semplici scale, ho scoperto il mondo fatto di risate e applausi creato da Claudio Santoriello. Il suo primo impulso non è stato quello di scappare prendendo uno dei tanti “treni della speranza”, bensì creare speranza partendo da un semplice Garage”, ed è così che Andrea, aiutato da un giovane regista, Steven Renso, e dall’attore Anthony Raymond Javier, entrambi amici e colleghi d’Arte di Claudio, arriva a Scafati, entra nella famosissima “Panda arancione” dell’attore scafatese, un mezzo di trasporto che diventa un vero e proprio album su quattro ruote nel Capitolo secondo, “Il Passaggio”, ( http://www.youtube.com/watch?v=FIcik_qbZBw ) per poi giungere nell’ancor più celebre “Garage”, ( http://www.youtube.com/watch?v=cQji17CVgeE ).

“E’ riuscito a dare vita ad un figlio importante come il Teatro in un luogo dove non esiste nulla, tutto viene soffocato.  Sono stato in una vera e propria fucina, dove in realtà non nasce solo l’Arte, ma viene coltivata l’umanità che è in ognuno di noi e, ironicamente parlando, non era Abbey Road o la sala prove del Metropolitan, ma un umile e semplice garage”, ha dichiarato il giovane attore, comprendendo quanto il 10 percento di Claudio fosse un dolcissimo richiamo di ottimismo e pura Arte.

Andrea Baglio, straordinario attore e personaggio vivo non solo sul palcoscenico, ma nella vita di tutti i giorni, vive la Recitazione perché solo con essa riesce a raggiungere il cuore delle persone. Partorisce sogni e illusioni, dà vita a paure e debolezze, ma distrae e riempie l’anima del pubblico, emozionando prima la propria. Il giovane Baglio non molla, anzi sfida le proprie capacità, cercando di vivere con il montaggio, con la scrittura e la voce, sempre piena ma mutevole di sensazioni, quelle che sono state le esperienze di un ragazzo quale Claudio Santoriello, dalla forza e dalle capacità incolmabili.

“Se credete davvero in una passione, se amate veramente ciò che fate e soprattutto siete, non esisterà alcun tipo di limite fisico, mentale o logistico in grado di fermare la vostra Anima. Con Claudio però è diverso… Raccontare la sua vita, non vuol dire solo comporre versi fatti d’immagini, ma fondersi con la poesia stessa”, ha spiegato l’attore, e al contempo narratore, infinitamente grato.

Con il progetto grafico di Chiara Barbieri e la continua consulenza dell’intera famiglia del giovane Santoriello,  il “10 Percento” ha fatto sì che Scafati e tutto il mondo del web possano continuare a vivere la grandezza che Claudio aveva saputo trasmettere in ogni angolo della sua città, lungo ogni marciapiede, nelle strade più tortuose.

Il giovane Baglio, consapevole dell’importanza del suo progetto, non si lascia trascinare dalle paure e continua a creare meravigliosamente, Faccio l’Attore perché sogno in continuazione con il pubblico, con chi mi sta accanto e non mi stancherò mai di farlo. Quindi… Non svegliatemi mai.”

(1906)

468 ad